LONGEVITA’ E SALUTE

Il METABOLISMO

BASALE non è altro che l’energia necessaria per mantenerci

in vita a riposo (comprende le funzioni vitali quali la

respirazione.., circolazione sanguigna.., attività cardiaca..,

attività del sistema nervoso..) e rappresenta circa il 60% della

spesa energetica complessiva di una persona; è sicuramente un valore

molto alto, quasi il doppio di quello che si riesce a bruciare

facendo attività fisica.., per cui consumiamo più calorie nelle 24h

da fermi che non muovendoci.

Anche il MB tende a rallentare con l’avanzare dell’età, perché

il suo funzionamento dipende dall’attività cellulare che

ovviamente decresce con la senilità; infatti esso dipende

esclusivamente dalla massa muscolare che con gli anni tende a

diminuire, e con essa anche la capacità di consumare calorie,

motivo per  cui è facile aumentare di peso e difficilissimo calare,

soprattutto dai 50aa in su proprio quando avviene la costante

perdita di massa muscolare (a meno che non si faccia una attività

fisica giusta.)

Quindi bisogna sempre cercare di tenere la massa muscolare (FFM

Fat-Free Mass) attiva, per poter avere una longevità sana; è

importante per essere in salute essere non solo attivi, ma

tonici, in quanto la FFM è un tessuto metabolicamente attivo, e se

le dimensioni di questo tessuto diventano sempre più piccole (cosa

che accade quando ci si ingrassa, o si è sedentari), può

diventare un problema, in quanto a questo si associa un calo della

forza (basta ricordare che gli studi fatti sugli astronauti

in orbita hanno indicato che è la perdita di muscolo che attiva un

invecchiamento accelerato quando siamo in assenza di gravità),

che si traduce in stanchezza, affaticamento, difficoltà a fare

le cose della vita quotidiana. Quindi il mantenimento della FFM e

della forza sono aspetti fondamentali per un invecchiamento in

salute.

Come fare dunque per riattivare il nostro MB?

Agire sulla :                                                                                                                        


1) SEDENTARIETA’ intesa come assenza di attività

fisica muscolare che si puòattuare attraverso esercizi con

i pesi o elastici in modo da aumentare il MB, cioè bruciare

di più nelle 24h.                      


2) RIDURRE ALIMENTAZIONE troppo ricca in calorie

(in particolare zuccheri e carboidrati raffinati) che non fa altro

che aumentare il carico glicemico determinando una risposta

metabolica non ottimale.                                                                                


3) STRESS che da una parte ci fa perdere il

controllo sull’alimentazione (perchè il soggetto stressato è

più facilmente preda d’impulsività e desiderio di alcuni alimenti),

e dall’altra abbiamo 1 aumento del Cortisolo (con l’attivazione

dell’asse HPA ipotalamo-ipofisi-surrene, il quale manda un segnale

al nostro corpo che è traducibile come “trattieni il grasso che hai

perchè sei in pericolo”); una persona sotto stress cerca il compenso

nel cibo, ed in particolare negli zuccheri, perchè questa tipologia

di alimento rilascia una grande quantità di dopamina nel cervello,

ormone che ci da un senso di benessere.


La vita media si è sicuramente allungata, ma non sempre questa

longevità si accompagna con la salute: infatti molte persone

arrivano ai 90 aa, ma passano gli ultimi 10/15 aa in condizione di

salute molto precarie. 

Quindi… non è mai troppo tardi per incominciare a voler star bene,

divenendo responsabili della propria salute… solo così si consegue

una longevità ancora ricca di salute.